La Dieta Plank nel dettaglio

      Nessun commento su La Dieta Plank nel dettaglio

9 kg in soli 14 giorni.
Sembra un sogno, un intimo desiderio, quello di dimagrire e di tornare in forma. Ma è davvero possibile? Verso quali rischi andiamo incontro? Dobbiamo essere sinceri: queste diete sono molto estreme. La Plank, nello specifico, è consigliata solamente a chi gode di ottima salute e che non ha carenze alimentari di nessun genere. È assolutamente sconsigliata ai soggetti deboli di cuore. Il rischio è di indebolire le pareti cardiache.

Uno dei regimi alimentari più duri: la Dieta Plank
Le diete miracolose sono, purtroppo, pericolose sotto molti punti di vista. Anzitutto, togliere determinati elementi dal nostro regime alimentare è sconsigliato. Potremmo incorrere in seri rischi. Per questo, è necessario parlarne con il proprio medico prima di iniziarne una e soprattutto leggere tutte le avvertenze possibili.
• Lo schema della dieta Plank è uno dei più rigidi;
• A seguito delle piccole dosi consentite, è possibile avere molta fame e cedere a spuntini fuori pasto che non vi permetteranno di perdere peso;
• Non è una dieta equilibrata.

Che cosa è consentito mangiare e quali sono i rischi di questo regime
È un regime iperproteico, che negli anni è stato sponsorizzato dalle grandi star di Hollywood. Potrebbe rivelarsi molto faticosa per il fegato e per i reni.
Nel regime della Dieta Plank vengono banditi i carboidrati. Vengono introdotti, invece, quegli alimenti che hanno molte proteine, come la carne. Dunque, sia a pranzo, sia a cena, avrete un secondo.
Carni bianche e rosse: potrete prepararle alla griglia, al forno o bollita. È escluso il condimento;
Pesce: il pesce è benaccetto nella Dieta Plank, soprattutto quello magro;
Uova e formaggio: anche questi alimenti non vengono banditi, ma in porzioni ridotte e una volta a settimana;
Frutta e verdura: contrariamente ad altri tipi di diete, la Plank non esclude la verdura e la frutta, purché quest’ultima sia poco zuccherata.
Seppure non sia simile alla Dieta Dukan, anche in questo caso possiamo affermare che è una dieta povera di zuccheri e che alla lunga potrebbe innescare il processo di chetosi, pericolosissimo per il nostro organismo.
Dobbiamo essere sinceri: il problema di questo genere di diete è che il nostro organismo non ha bisogno di bandire alcuni alimenti per dimagrire. Ogni alimento dovebbre essere concesso nella misura adeguata.
Sì, in molti hanno perso peso, non hanno presentato controindicazioni, ma ne vale la pena? Senza contare che il processo di mantenimento sarà molto duro e che per reintrodurre i carboidrati dovrete fare molta attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *