Due terzi dei tumori evitabili mangiando frutta e verdura

Una dieta ricca di frutta e verdura, con un uso limitato di carne rossa, unitamente a un controllo del peso corporeo sembra essere non solo la base su cui costruire il benessere fisico in senso lato, ma anche la via indicata dall´epidemiologia nutrizionale per prevenire determinati tipi di cancro. La recente pubblicazione da parte del World Cancer Research Fund e dell´American Insitute for Cancer Research dei dati sulla possibilità di prevenzione di tumori attraverso una modifica delle abitudini alimentari ha riscosso un notevole interesse in relazione anche all´ampio impatto socio-sanitario. Oggi si deve capire in che modo le componenti quantitativamente minori (rispetto alle ben note vitamine) presenti in una dieta ricca di frutta e verdura – polifenoli, carotenidi, vanilloidi, isotiocianati etc – contribuiscano effettivamente alla riduzione del rischio di malattie degenerative e cancro. Queste sostanze infatti possono controllare praticamente tutti i passaggi biologici che portano una cellula ad avere un comportamento maligno. La ricerca di base biomedica dovrà quindi integrarsi con quella in ambito agronomico e di industria alimentare, in un´ottica convergente sull´ottimizzazione dei prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *